Privacy Policy Le differenze tra mappe mentali e mappe concettuali - Intelligentia Docet

Le differenze tra mappe mentali e mappe concettuali

Giu 30, 2021 | Strategic Way, Aziende, Professionisti, Studenti

Sai che esistono molte differenze tra mappe mentali e mappe concettuali

Rappresentare pensieri o riflessioni in modo grafico è una idea che esiste, per quanto ne sappiamo, almeno dal terzo secolo a.C., quando Porfirio di Tyros usò una versione embrionale delle mappe mentali per mostrare la logica dietro i concetti filosofici di Aristotele.

Nel frattempo, le tecniche si sono affinate e, anche se oggi molti tendono ad usare i termini “mappe mentali” e “mappe concettuali” in modo intercambiabile, non si tratta della stessa cosa. 

Nonostante l’apparente affinità tra i due concetti, questi due tipi di mappe si costruiscono e funzionano in modo completamente diverso. 

Per questo, vediamo insieme le principali differenze tra mappe mentali e mappe concettuali!

 

Mappe Concettuali: cosa sono, come si creano e i loro limiti

La Mappa Concettuale nasce da una idea del signor Joseph D. Novak.

Questo professore universitario statunitense ideò un modo per rappresentare graficamente idee e concetti basato su una struttura rigida e non personalizzabile. Lo scopo era aiutare i suoi studenti nella comprensione di concetti complessi e nuovi, ma legati ad altri già noti e studiati. 

La struttura delle mappe concettuali è, senza dubbio, molto razionale

Si sviluppa partendo da un nodo centrale, che coincide con il concetto principale che si vuole studiare o analizzare, e segue una logica reticolare. 

Al centro si legano, verticalmente dal generale al particolare, i concetti secondari. È un sistema di concetti interconnessi, uniti tra loro logicamente con frasi di collegamento. 

Quando è utile una mappa concettuale?

  • Serve per comprendere concetti, anche complessi, attraverso la relazione con altri più semplici o già noti.
  • Al momento di studiare, può aiutare a vedere dove ci sono delle lacune da colmare.
  • In presentazioni, anche di lavoro, per comunicare concetti senza necessità di esprimerli a voce.

Quali sono i suoi limiti?

  • In caso di molti collegamenti (noti come “hub”) possono confondere, non fornendo indicazioni su dove iniziare il discorso.
  • Non è possibile realizzare una mappa concettuale prendendo appunti, per via della struttura rigida. Questa è una delle principali differenze tra mappe mentali e mappe concettuali
  • Graficamente, l’assenza di colori ed immagini limita molto la capacità di memorizzazione. Di fatto, si tratta di semplici concetti inscritti in figure geometriche e posizionati secondo una logica reticolare! 
  • Ogni mappa concettuale assomiglia a tutte le altre, quindi è difficile memorizzarle.

Mappe Mentali: la creatività al servizio del sapere

Le Mappe Mentali derivano invece dall’ingegno dello psicologo inglese Tony Buzan

A differenza delle mappe concettuali, sono soggettive e fanno leva sulla creatività, non sulla logica, e sono utilissime in contesti diversi, non solo in ufficio o a scuola. 

Inoltre, si basano sulla abilità del cervello umano di memorizzare i concetti utilizzando elementi grafici come le immagini (ma non solo).

Proprio così: ci sono immagini, colori, forme… questi elementi grafici rappresentano una delle principali differenze tra mappe mentali e mappe concettuali!

Il tema principale si trova al centro della mappa e da questo si sviluppano, seguendo una logica di connessione tutti i concetti ad esso collegati e collegabili, formando una struttura radiale.

I concetti sono disposti tenendo conto della gerarchia tra loro: dal tema principale (centrale) si sviluppa un collegamento A, che viene analizzato man mano che ci si allontana dal centro, senza però mai perderlo di vista. 

differenze mappe mentali e mappe concettuali
esempio di mappa mentale

Quando è utile una mappa mentale?

  • Per comprendere e capire qualsiasi cosa: la logica di partire dal generale e approfondire, e solo dopo fare le dovute connessioni, è la stessa che si usa ogni volta che si deve sostenere un esame, illustrare una presentazione, presentare risultati. 
  • Per studiare e memorizzare concetti (anche) complessi: a sua struttura unisce immagini, forme e colori, elementi essenziali che attivano la creatività e rendono la memorizzazione più facile. Questa è una delle principali differenze tra mappe mentali e mappe concettuali.
  • Per il brainstorming di pensieri, in ufficio e a scuola, ma non solo.
  • Per prendere rapidamente appunti.
  • Per riuscire ad unire informazioni provenienti da varie fonti.

Quali sono i limiti delle mappe mentali?

  • in caso di condivisione con più persone, non sempre la logica dietro ai collegamenti è chiara, perché mancano le frasi di collegamento. 

Insomma, le mappe mentali sono molto diverse dalle mappe concettuali, e sono capaci di offrire gli stessi vantaggi, cioè una visione panoramica su un concetto, senza i limiti di queste! 

Conosci altre differenze tra mappe mentali e mappe concettuali?

Copyright © Intelligentia Docet Tutti i diritti riservati. Viale della Resistenza, 11 Corsico (MI)
P.IVA 08545610969 – PRIVACY – TERMINI E CONDIZIONI – NOTE LEGALI