Privacy Policy Le mappe mentali al lavoro: come usarle e crearle - Intelligentia Docet

Le mappe mentali al lavoro: come usarle e crearle

Giu 30, 2021 | Professionisti, Aziende, Made Easy

Le mappe mentali al lavoro, ma non solo, sono una tecnica versatile perfetta per catturare idee, aumentare la produttività, la creatività e la memoria. 

Il perché è semplice: crearle stimola il nostro cervello in modo completo visto che, proprio come le mappe mentali, questo non ragiona in modo lineare. 

Ne esistono di vari tipi, ma qui tratteremo le mappe mentali organiche.

Queste, a causa della loro natura flessibile, sono perfette per chiunque cerchi di creare un design visivamente stimolante, per esempio cercando di mettere insieme un riassunto visivo di informazioni da condividere, o da creare insieme, con il tuo team.

Il cervello è un organo radiale

Ogni volta che il cervello umano organizza delle informazioni lo fa in modo radiale. 

Questo significa che parte da un concetto e ne elabora di nuovi attraverso associazioni e salti di idee, anche multidimensionali e multisensoriali. 

Odori, suoni, immagini, colori: tutto contribuisce ad azionare la memoria del cervello e tutto va usato nel mental mapping!

Proprio pe questo, mettere per iscritto idee, concetti e pensieri in modo lineare, prendendo appunti su un foglio con un solo colore (penna blu o nera, soprattutto), frasi intere e sole parole, è un sistema inefficace.

Con il classico sistema, infatti:

  • Il cervello umano perde di vista i concetti chiave
  • Abbiamo difficoltà a ricordare e memorizzare le informazioni
  • Abbassiamo l’attenzione, per via della monotonia. 

Le mappe mentali al lavoro: uno strumento portentoso

mappe mentali per grandi idee al lavoro

Una mappa mentale è un modo di organizzare pensieri e concetti in modi grafico e radiale. 

Create dall’inglese Tony Buzan, psicologo ed autore di manuali su tecniche di apprendimento e memorizzazione, non hanno la rigida struttura di una mappa concettuale (sì, sono diverse). 

Sono molto utili per:

  • prendere appunti, sia in riunioni che in classe
  • ritenere informazioni
  • prendere decisioni tramite brainstorming
  • trovare soluzioni creative per gli obiettivi aziendali
  • destrutturare un pensiero complesso per comprenderlo meglio

Il tutto organizzando le informazioni in modo chiaro, risparmiando tempo e memorizzando a lungo termine. 

Cosa serve per creare una mappa mentale in ufficio:

  • Un foglio bianco
  • Delle penne colorate, evidenziatori, qualunque cosa che dia un tocco di colore
  • Un pizzico di creatività: la mappa mentale non è fatta solo di parole, ma anche di elementi grafici/visivi e di collegamenti emotivi. 

Nel farla, considera che la memoria visiva è la piu potente, e va sfruttata ogni volta che è possibile!

Poi, pensa che in una mappa mentale, i colori non solo sono necessari, ma rappresentano degli archetipi, funzionando per associazione di idee. Per esempio, il rosso può voler indicare una guerra, una riduzione delle vendite, oppure la passione. 

Anche le emozioni giocano un ruolo chiave: una mappa mentale evocativa permette di associare immagini e concetti ai ricordi, e a questi delle emozioni. In questo modo, stimola la mente a trovare nuovi collegamenti fra gli elementi/pensieri, creativamente. 

L’obiettivo è favorire il libero movimento del pensiero tra un concetto e l’altro, tra un’immagine e l’altra; nutrire il cervello e stimolarlo a ricordare, partendo da un concetto centrale da cui si dipanano idee correlate. 

La creazione

Per creare una mappa mentale da usare al lavoro, è importante partire dall’incubazione di un’idea e svilupparlatramite una struttura che ricorda quella di un neurone. Esiste un corpo centrale (soma)  e ci sono più rami (assoni).

Ecco una breve guida per creare la tua mappa mentale da usare in ufficio.

1. Stabilisci il concetto principale della tua mappa mentale da usare in ufficio

Al centro della mappa devi mettere il concetto chiave dal quale vuoi partire.  Questo può essere rappresentabile conuna parola chiave o , ancora meglio, con una immagine. 

Sarà il nodo principale da cui sviluppare tutti gli altri nodi, collegati da rami che rappresentano associazioni mentali. 

Ricorda: non usare un’immagine solo per rappresentare il concetto principale!

Più la struttura di una mappa mentale è ricca e visivamente dinamica, personalizzata, più sarà efficace per raggiungere il proprio obiettivo.

2. Aggiungi i rami!

Partendo dal concetto centrale, aggiungi i rami che si diramano da questo. 

Il modo in cui si estende una mappa mentale è dato da chi la compone, in base alle idee che vengono aggiunte e all’introduzione di nuove associazioni tra i diversi concetti.

La bellezza di una mappa mentale è che puoi continuare ad aggiungere nuovi rami, senza limitazioni.

mappe mentali in ufficio
Il colore è uno degli elementi fondamentali per le mappe mentali al lavoro

3. Assegna un ramo ad ogni concetto secondario e inizia ad includere elementi visivi

Quando aggiungi un ramo alla tua mappa mentale, dovrai includere in questo un’idea chiave.

Cerca di mantenere questa idea il più breve possibile, per esempio una sola parola/immagine.

Questo minimalismo ti permetterà di innescare un maggior numero di associazioni, rispetto a frasi più lunghe e complesse.

Organizza lo spazio in modo dinamico e gerarchico. Pensa al futurismo, che univa nelle sue opere colori, immagini e parole, giocando con il font e la dimensione dei caratteri per stabilire gerarchie in base all’importanza del concetto, riempire gli spazi in modo ordinato ma movimentato, giocare con forme, simboli, disegni,…

Le immagini e gli altri elementi visivi nella mappa mentale hanno il potere di trasmettere molte più informazioni di una parola o frase, perché vengono elaborate istantaneamente dal cervello e agiscono come stimoli visivi

4. Aggiungi colore ai tuoi rami della tua mappa mentale in ufficio

Per aggiungere colori, ricordati che servono anche per evocare emozioni, permettendo al cervello di funzionare con entrambi gli emisferi, in modo sinergico. 

Le mappe mentali includono colori ed immagini perché incoraggiano il pensiero dell’intero cervello, unendo una vasta gamma di abilità corticali logiche, numeriche, creative e non solo. La codifica a colori collega l’aspetto visivo con quello logico e aiuta il tuo cervello a creare scorciatoie mentali.

Quindi, sii creativo, personalizza la mappa per te (ed il tuo team, se è un lavoro collettivo!) e ricorda che maggior personalizzazione vuole dire maggior efficacia. 

5. Dai un’ordine alle idee, con creatività 

Guarda quello che hai inserito fino ad adesso nella tua o tue mappe mentali al lavoro: quali concetti ti saltano alla mente? Aggiungili, anche con immagini! Quali connessioni sorgono naturali? Tracciale, usando i colori!

Dimentica la linearità, e inizia a tracciare collegamenti logici fra concetti, utilizzando elementi colorati come frecce direzionate e ramificazioni. 

Attenzione a non perdere la chiarezza: la mancanza di un filo prettamente logico non significa concetti e connessioni a caso, ma intuitivi e ragionati!

Usa il ragionamento e l’intuizione per creare connessioni nuove tra le informazioni che gia possiedi, senza per forza seguire un filo logico “standard”. 

Dal punto A non si passa (solo) al punto B, ma anche a X, G ed M!

Consigli e buone pratiche per creare mappe mentali al lavoro

  • Niente frasi, solo concetti brevi! Le mappe mentali al lavoro devono essere efficaci in poche parole!
  • Niente schematismi, la struttura deve essere creativa!
  • Più ti cimenti, più sarà facile. Soprattutto se sei un professionista poco abituato a usare la tua creatività, magari ti servirà un poco di pratica per lasciarti andare!
  • Ricorda che una mappa mentale non è mai definitiva, ti verranno in mente sempre nuovi concetti e idee da aggiungere! 
  • Non limitarti ad immagini e colori, anche se crei una mappa mentale da usare in ufficio, ma cerca di usare tutti i sensi! Se usi software per creare mappe mentali, per esempio, potresti anche trovare il modo di usare dei suoni! Oppure, perché non gli odori?!

Le mappe mentali al lavoro sono uno degli strumenti più potenti per promuovere, incubare e sviluppare le migliori idee tue e del tuo team. 

Cambiare il tuo modo di pensare è il primo passo per sviluppare idee davvero rivoluzionarie, anche in una mappa mentale da usare in ufficio

Copyright © Intelligentia Docet Tutti i diritti riservati. Viale della Resistenza, 11 Corsico (MI)
P.IVA 08545610969 – PRIVACY – TERMINI E CONDIZIONI – NOTE LEGALI